Maglia chiara su superficie bianca con ferro da stiro, strisce colorate e un paio di forbici

Uno strappo dorato: la slow fashion riprende la ceramica kintsugi

Nella terza puntata della nostra serie di video dedicati alla slow fashion fai da te, approfondiamo l’argomento della tecnica kintsugi che li ha ispirati. Per saperne di più su come la filosofia wabi-sabi, che esalta la bellezza delle cose imperfette, ispira l’arte ceramica giapponese, torna al primo articolo, che ti insegnerà anche a riparare un paio di jeans strappati in stile kintsugi. Nella seconda puntata della serie, potrai apprendere come rammendare un buco con un piccolo espediente d’ispirazione kintsugi, creando un divertente effetto a pois.

Ora torniamo alla tecnica che si cela dietro la tradizione kintsugi per scoprire come utilizzarla per riparare una camicia strappata.

Idea slow fashion fai da te: lo strappo verniciato in stile kintsugi

Il nostro terzo video ispirato al kintsugi e la guida passo-passo mostrano quanto sia semplice trasformare un difetto estetico di un indumento in un particolare che invece lo esalta.

Riparare una camicia strappata in cotone, seta o raso è praticamente impossibile senza lasciare tracce. Anziché cercare di nascondere lo strappo, mettilo in risalto con un richiamo alla ceramica kintsugi. La tradizionale arte giapponese si fonda sulla ricomposizione di frammenti di vasi e stoviglie di ceramica mediante l’utilizzo di una lacca dorata, che rende la crepa un raffinato ornamento trasformandola da spiacevole imperfezione a elegante e gradevole abbellimento. 

Vaso nero e oro

Idea slow fashion fai da te: rinnova una camicia strappata in stile kintsugi: video e guida passo-passo

You need to accept cookies to play this video

Occorrente:

  • una camicetta a tinta unita (o qualsiasi altro indumento in tessuto)
  • nastro termoadesivo per riparazioni
  • ferro da stiro
  • vernice per tessuti color oro (noi abbiamo usato una vernice per effetto 3D/a rilievo applicabile direttamente con l’apposito pennarello)

 

Procedura:

1. Taglia il nastro termoadesivo nella forma e misura necessarie per coprire l’intero strappo.

Maglia chiara su cui viene appoggiata una striscia di tessuto bianca

2. Rivolta la camicia sul rovescio, posiziona il nastro termoadesivo sullo strappo e stira come indicato per fissarlo.

Vista su ferro da stiro mentre percorre le maniche di una maglia chiara

3. Rigira la camicia sul diritto e preparati a “dipingere le cicatrici”.

4. Per aiutarti, puoi eventualmente abbozzare sul tessuto il motivo che desideri creare utilizzando una matita, un gessetto, un pennarello lavabile o un pezzo di sapone. Se il tessuto è particolarmente sottile e traslucido, puoi anche disegnare il motivo su un foglio di carta bianco e metterlo sotto in modo che si intraveda attraverso il tessuto e tu possa tracciarne i contorni. Nel nostro caso, abbiamo trovato più semplice eseguire il disegno a mano libera.

5. Cerca di tracciare ciascuna linea in una sola passata in modo da dare uniformità al disegno.

Su una maglia chiara viene disegnata una linea arancione

6. Lascia asciugare senza fretta e, seguendo le istruzioni della vernice utilizzata, usa il calore per fissare la vernice sulla camicia prima di lavarla.

7. Indossa il tuo nuovo capo con orgoglio!

Altre idee slow fashion fai da te di ispirazione kintsugi

  • Ovviamente, l’idea sopra illustrata non è l’unico modo per rendere onore all’arte kintsugi e ridare vita e bellezza a un vecchio oggetto per farne una nuova opera d’arte. Ecco qualche altra idea per trasformare un tessuto strappato in un’idea slow fashion da realizzare con le tue mani.

  • Anziché usare una vernice per tessuti ad effetto 3D/in rilievo, puoi applicare il color oro sul tessuto servendoti di un pennello. Questa tecnica si avvicina maggiormente al modo in cui gli artigiani kintsugi giapponesi lavorano.
  • Se sei pratica di ago e filo, puoi rammendare lo strappo con un bel filo color oro.
  • Nelle ceramiche kintsugi, per riempire eventuali ampie porzioni mancanti di vasi o stoviglie rotti si usa spesso inserire frammenti di forma adatta provenienti da altri oggetti. Puoi imitare questo effetto rattoppando lo strappo con ritagli di tessuto visibilmente differente e mettere in risalto le cuciture con la vernice dorata o ricami.
  • Noi abbiamo scelto il color oro per rendere tributo al kintsugi tradizionale, ma puoi naturalmente sbizzarrirti in altre combinazioni cromatiche a tuo piacimento e fantasia.

Image credits:
Image of traditional kintsugi pottery: Shutterstock